10 incredibili curiosità su Marte, il Pianeta Rosso

Thumbnail for 887473
Wikimedia

Il pianeta più conosciuto del Sistema Solare che non sia la terra è il nostro vicino abbronzato. È Marte, il pianeta rosso. Studiato ormai da anni anche per la semplicità, rispetto ad altri pianeti, e la poca distanza, gli studi sia astronomici sia effettuati su campo, tramite robot, hanno consentito di scoprire una serie di informazioni interessanti su questo pianeta, alcune delle quali molto curiose. Noi le abbiamo raccolte in questa lista, che vi aiuterà a saperne di più.

10. La missione di Curiosity

È impossibile non sapere che cosa sia Curiosity, il robot che da qualche tempo ormai si è stabilito su Marte. Si tratta di una macchina che è stata spedita, per quello che si sente dire, per studiare fisico-chimicamente il pianeta, il suolo, l’aria, e le caratteristiche generali. Ma lo scopo con cui fin dall’inizio il robot è stato progettato era principalmente uno: capire se l’uomo potesse un giorno trasferirsi su Marte, e anche se in passato ci sia stata qualche forma di vita. I dati che vengono raccolti sono registrati proprio con questo mega-scopo finale.

9. Il monte più alto del sistema solare è su Marte

Se ti chiedessi qual è il monte più alto del mondo, sicuramente risponderesti l’Everest, che con i suoi 8.000 e rotti metri sopra al livello del mare è in assoluto il picco più alto della terra. Della terra, ma non dell’intero Sistema Solare: questo è infatti il Monte Olimpo, non quello che si trova in Grecia ma il Monte Olimpo marziano. Si trova infatti a ben 21.000 metri dal punto meno alto di Marte; questa altezza in parte è giustificabile con il fatto che Marte non ha il mare da cui prendere la distanza. In ogni caso, se considerassimo il punto più alto, l’Everest, e il punto più basso del nostro pianeta, non raggiungeremmo 21.000 metri di differenza.

8. Le prime esplorazioni di Marte

Sebbene le esplorazioni odierne di marte siano sicuramente le più conosciute, anche a causa del risalto mediatico che hanno, queste sono iniziate ormai molti anni fa. La prima navetta spaziale che fu mandata su Marte con l’obiettivo di sturiarlo era sovietica, si chiamava Mars 1 e venne lanciata nel 1962. Purtroppo i controllori della missione ad un certo punto hanno perso il contatto con il veicolo. La prima navetta che riuscì a scattare foto del Pianeta Rosso, invece, fu Mariner 4, che era stata invece progettata dagli amercani.

7. L’acqua su Marte sarebbe ghiaccio (quasi sempre)

La ricerca dell’acqua, elemento necessario sempre e comunque alla vita, su Marte, è stata una delle prerogative degli scienziati fin dalle prime esplorazioni. Su Marte notavano dei canali, che secondo gli astronomi in passato avrebbero potuto indicare lo scorrimento dell’acqua, ma la scoperta delle effettive temperature di Marte, che sono mediamente di -60° C (con picchi di 30° ma solo nelle zone e nei periodi più caldi) indicherebbe che l’acqua, per la stragrande maggioranza del tempo, sarebbe in forma solida, sarebbe ghiaccio. Dovrebbe essere incredibilmente salata per poter rimanere liquida, per non congelare a quelle temperature.

6. Marte ha tante terre emerse quanto la Terra

Probabilmente sai che il Pianeta Rosso è considerevolmente più piccolo della nostra Terra, il che porterebbe a pensare che non è una soluzione ottimale come “pianeta di riserva” nel caso sulla Terra fossimo troppi. In realtà, se si considera che la Terra è un pianeta ricoperto per 2/3 da oceani, che Marte non ha, risulta che la superficie abitabile sarebbe praticamente la stessa: insomma, Marte darebbe all’incirca uno spazio per far abitare altri sette miliardi di persone. Il che non sarebbe male, se solo riuscissimo a mandare qualcuno ad abitare lassù, ma purtroppo non è proprio semplicissimo.

5. Il volume di Marte entrerebbe sei volte in quello della terra

Abbiamo appena parlato di superficie delle terre emerse, e del fatto che Marte sia più piccolo rispetto alla Terra. Ma quanto più piccolo, esattamente? Per comprendere la proporzione basta pensare che se la Terra fosse completamente cava e noi iniziassimo a mettere doppioni a dimensione reale di Marte al suo interno, ce ne starebbero comodamente sei, quindi nemmeno pochissimi; ciononostante, come abbiamo visto, le dimensioni non sono tutto ciò che conta, perché le terre abitabili più o meno sono le stesse.

4. Fobos, la luna più grande di Marte

Nemmeno a farlo apposta, Marte ha due lune, due come nella mitologia erano i figli di Ares, dio della guerra, da cui il pianeta prende il nome. Per questo le lune si chiamano come i suoi figli, Fobos e Deimos, Paura e Terrore. Fobos è la luna più grande e fortunatamente della paura ha solo il nome; infatti è un satellite che ha l’unica particolarità astronomica di essere molto, molto veloce. Dalla superficie di Marte può essere visto sorgere, ad est, e tramontare, ad ovest, per ben due volte in un solo giorno. Questa luna, peraltro, per la sua spirale si avvicina a Marte lentamente ma inesorabilmente, e tra qualche millennio dovrebbe addirittura andare a caderci sopra.

3. Deimos, la luna più piccola di Marte

L’altra luna di Marte, la più piccola, Deimos (Terrore) è piuttosto difficile da individuare dalla superficie del pianeta. Si può infatti vedere solo alla stregua di una stella, un po’ come noi riusciamo ad individuare Venere dalla superficie della Terra: tu lo hai mai visto? È più lento di Fobos, come rotazione, ma le sue dimensioni veramente minimali fanno chiedere agli scienziati se si tratti di una vera luna o piuttosto di un satellite che è stato catturato nell’orbita del pianeta e da allora continua a girare intorno ad esso.

2. La gravità su Marte

Spesso pensiamo alla differenza di gravità che c’è tra la Terra e la Luna. È semplice considerare la differenza di gravità perché abbiamo visto persone che ci sono andate e che si sentivano molto più leggere rispetto a qui, ma poco sappiamo della gravità di Marte. Bene, la situazione è molto simile a quella della Luna, il che significa che la gravità è ridotta rispetto alla nostra all’incirca del 62%. Questo significa che se una persona che pesa 100 Kg fa un giro su Marte, ne peserà una quarantina. Altro che dieta per dimagrire.

1. C’è vita su Marte?

L’ultima domanda, la più importante, quella che tutti ci chiediamo è questa: c’è vita su Marte? Stando alle analisi delle rocce di Marte, oltre al materiale inorganico che le costituisce sono state trovare anche alcune molecole organiche complesse, molecole che si ritrovano comunemente nei nostri batteri. Ci sono le molecole, il che significa che ci sono le “impronte” della vita: si sta formando o c’è stata in passato? Le opinioni sono controverse, ma alcuni scienziati credono addirittura che in qualche punto celato del pianeta la vita sia esistita e, addirittura, possa esistere ancora oggi.

FONTE: 10 incredibili curiosità su Marte, il Pianeta Rosso