I due emisferi celebrali

Di Claudio

Il cervello umano è diviso in due emisferi separati, collegati solo da un ponte di fibre nervose (corpo calloso). Hanno funzioni del tutto diverse.

  • L’emisfero destro è la sede della creatività, dell’intuito, della fantasia, delle percezioni sensoriali,ecc..
  • l’emisfero sinistro è la sede della razionalità, della ragione, della riflessione, della motivazione,ecc.
L’emisfero destro è l’antenna che capta tutto ciò che esiste all’interno del mondo reale, grazie al risultato della funzione dei cinque sensi, oltre a captare le percezioni “sottili” provenienti da tutti i piani dell’esistenza (dimensioni).
L’emisfero sinistro è il filtro che seleziona tutte queste informazioni al fine di scartare quelle che non hanno un significato razionale, per cui chi non è consapevole, perde la totalità delle percezioni sottili provenienti dagli altri piani d’esistenza.
Quando vediamo un quadro, l’emisfero destro ne percepisce la forma, i colori, la creatività espressa, la bellezza, suscitando emozioni. L’emisfero sinistro gli attribuisce il nome quadro, che lo raffronta con tutti i modelli di quadri già memorizzati, al fine di catalogarlo razionalmente all’interno di una categoria ben definita.
E’ attraverso l’emisfero destro che riusciamo a connetterci con gli strati superiori dell’essere, da questo emisfero arrivano le intuizioni, dove riceviamo una moltitudine di informazioni che sono al di fuori dello spazio e del tempo (la nostra tri-dimensione spazio/tempo/energia).
L’emisfero sinistro però applica a tutte queste informazioni il “filtro” del raziocinio, filtrando queste informazioni scartando tutto ciò che non è catalogabile all’interno di qualcosa di conosciuto. Percepiamo miliardi di informazioni ogni secondo da mondi e realtà “invisibili” ma restano tali a causa del filtro operato dall’emisfero sinistro.
Tutte queste informazioni sono destinate a restare “inconsapevoli”, alimentando pregiudizi come: “ciò che non si vede, non esiste”..
Per coloro che operano su se stessi, lavorando alla crescita della propria consapevolezza, l’unica informazione che non esiste è lo stesso pregiudizio.

FONTE: I due emisferi celebrali