Il mistero degli Orbs, le “sfere di luce” che a volte appaiono nelle foto

Thumbnail for 529117


FONTE E ARTICOLO COMPLETO:http://sguardinellogos.blogspot.it/2012/06/il-mistero-degli-orbs-le-sfere-di-luce.html

Occasionalmente vengono rilevate sulle immagini fotografiche, eseguite con macchine fotografiche tradizionali o digitali, macchie di natura inspiegabile, luminose e circolari che assomigliano a veri e propri globi luminosi. Oggetti che vengono definiti con il nome di “Orbs”, ovvero “globi di luce”. Alcuni ricercatori hanno paragonato il fenomeno degli Orbs a quello delle sfere luminose che sono viste in prossimità dei crop circles.

Il fenomeno degli “Orbs” presenta una serie di condizioni e di caratteristiche peculiari: – Sono rilevati essenzialmente con l’uso del flash – All’aspetto sembrano essere sfere trasparenti di varie dimensioni e di varia densità, mostrano sempre una corona e un tenue nucleo che li fa assomigliare a diafane diatomee circolari – Vengono rilevati sia da macchine tradizionali con pellicola che da macchine fotografiche digitali – In laboratorio sono stati rilevati nello stesso posto e con le stesse dimensioni pur usando contemporaneamente due differenti macchine fotografiche – E’ possibile percepire gli Orbs e riprenderli fotograficamente guardando nella loro direzione (esistono foto di persone che guardano nella direzione degli Orbs percepiti al momento della foto) risultano più numerosi in presenza di più persone. Sull’origine della natura degli Orbs vengono fatte, da parte di vari ricercatori e sui siti Web dedicati al fenomeno, numerose ipotesi: – Macchie di polvere sull’obiettivo fotografico (tesi non valida poichè anche dopo la pulitura dell’obiettivo gli Orbs continuano ad essere rilevati) – Difetti specifici imputabili alle macchine fotografiche digitali (tesi non valida poichè gli Orbs compaiono anche su pellicola tradizionale) – Difetti o problemi di densità captativa dei sensori digitali (tesi non valida poichè gli Orbs compaiono indifferentemente sia su sensori a bassa che ad alta sensibilità. La ripresa fotografica degli Orbs non dipende dal numero di pixel del sensore poichè sono stati fotografati da sensori di varia potenza in pixel – da 3,5 Mpixel a 8 Mpixel con gli stessi risultati di immagine) – Particelle di polvere in sospensione nell’aria, gocce di pioggia o insetti illuminati dal flash (tesi non valida poichè le fotografie prese durante la pioggia hanno rivelato le gocce d’acqua come una immagine piena e in movimento. La stessa cosa avviene per gli insetti: anche in questo caso le immagini sono luminose, piene e in movimento. Nessuna di queste immagini ha somiglianza con le caratteristiche di base degli Orbs. Rimane l’ipotesi che possano essere particelle altamente riflettenti in stato di sospensione nell’aria) – Sfere di plasma energetico che si illumina alla luce del flash, così come accade per l’effetto di luminescenza dato dal neon – Particelle energetiche catturate dall’atmosfera terrestre nel passaggio della Terra attraverso la coda tenue delle comete – Entità extradimensionali (intese come entità prodotte dall’attività tellurica del pianeta, entità disincarnate o creature di altre dimensioni) – Creature viventi di natura aliena che si sono trattenute nell’atmosfera del nostro pianeta dopo che questo ha incrociato la coda tenue di una qualche cometa – Sonde di esplorazione di natura aliena – Sonde di esplorazione temporale inviate dal futuro Un Orb fotografato a Hessdalen Come appare una diatomea al microscopio che puo’ fare da paragone alla struttura degli Orbs Un “Orb” ingrandito L’Orb si distingue nettamente dalle tracce lasciate dalle gocce di pioggia .

FONTE: Il mistero degli Orbs, le “sfere di luce” che a volte appaiono nelle foto