Qual è il verso giusto per usare la carta igienica? Ce lo spiega il suo inventore!

Thumbnail for 1737470
image

Ci sono degli oggetti che sono diventati così di uso comune di cui, per gli standard di oggi, sarebbe molto difficile fare a meno. E quale degli oggetti che abbiamo in casa risponde meglio a questa definizione della carta igienica? Le battute si sprecano, è vero, ma alla fine se si viene a conoscere qualcuno che non la usa non avremmo una bella opinione di lui, per niente. Anzi, avremmo anche qualche problema a stringergli la mano, perché conoscerlo, beh, non è un piacere.

Ma c’è un mistero che ha sempre “avvolto” il normale rotolo della carta igienica così come lo conosciamo. Qual è il verso giusto per appenderlo? Molti, infatti, non pensano nemmeno che ci siano un verso giusto e uno sbagliato, ma dal punto di vista fisico la carta igienica nasconde più segreti di quanto potremmo immaginare. La risposta definitiva alla questione arriva dai brevetti originali depositati nel 1891 e recentemente pubblicati per essere mostrati al mondo. I brevetti erano stati ideati da Seth Wheeler, l’inventore della carta igienica.

La carta per pulire le parti basse, infatti, era già utilizzata all’epoca (per fortuna!) nell’ottica di evitare la trasmissione delle malattie, poiché l’epidemiologia si stava sviluppando proprio in quegli anni. Wheeler ha ideato un modo semplice e pratico di conservarla e averla sempre a disposizione: un piccolo rotolo che avesse a distanza regolare delle linee tratteggiate in modo da evitare gli sprechi, così che chiunque potesse prenderne solamente la quantità desiderata.

Il brevetto ci svela in modo incontrovertibile anche qual è il verso giusto per appenderla, tra il mettere il nastro, la parte libera, dalla parte anteriore, lontano dal muro, o da quella posteriore, invece vicino al muro. Ebbene, la risposta giusta è la prima, la carta igienica si posiziona con la parte libera lontana dal muro. Questo perché per una regola fisica tirarla da questa parte facilita la rottura in corrispondenza del punto di minor resistenza, mentre metterla dall’altra parte la rende più difficoltosa, e tirando con una mano sola (perché non dovremmo toccare le altre parti con la mano sporca, visto che dopo il pezzo che abbiamo toccato deve usarlo qualcun altro) non è detto che riusciamo a strapparla.

image

In questa logica di attenzione per evitare lo spreco, ma anche di molta attenzione per l’igiene, che poi è l’obiettivo principale di un oggetto che si chiama “carta igienica”, scopriamo i segreti di un prodotto che tutti acquistiamo ma che non tutti conoscono fino in fondo: nell’immagine qui sopra vedete il brevetto originale (e, prima di ridere del tipo che ha presentato il brevetto per la carta igienica, pensate a quanti soldi ci ha fatto!). Avresti mai pensato che la carta igienica che usi ogni giorno nascondesse così tanti segreti?

FONTE: Qual è il verso giusto per usare la carta igienica? Ce lo spiega il suo inventore!