Queste sono le nove parti dell’anima umana secondo l’Antico Egitto

Thumbnail for 3055947

Nell’antico Egitto, l’anima di una persona era considerata consistente in nove parti separate che erano integrate in un intero individuo, ma avevano aspetti molto distinti.

In molte culture antiche, come quelle che si trovano in Asia, Africa e persino in America, troviamo un concetto di anima analogamente simile al concetto sviluppato dalle religioni del gruppo giudeo-cristiano (incluso l’Islam) e della filosofia europea.

L’anima, dal punto di vista vedico o Veda, è l’essere, che per natura è eterno (senza nascita o morte o senza inizio o fine) di una sostanza diversa da quella del corpo fisico e che ha la propria coscienza.

Da questo punto di vista, la scienza dei materiali o quello che studia fenomeni fisici o materiali è limitata perché non può studiare fenomeni spirituali poiché la sua natura è diversa dalla fisica.

Questo capitolo della Bhagavad Gita si occupa della natura dell’anima.

Queste antiche culture spiegano in dettaglio il concetto dell’anima umana, proprio come gli antichi egiziani, conosciuti come una delle più avanzate civiltà antiche esistenti sulla Terra, hanno sviluppato un concetto estremamente interessante che spiega l’anima umana.

L’AMORE NON E ‘NON SOLO IL SUO CARATTERE, MA UN COMPOSTO DI DIVERSE ENTITÀ, ENTITÀ OGNUNA CON IL SUO RUOLO DA GIOCARE NEL VIAGGIO DELLA VITA E DOPO LA VITA STESSA.

Gli antichi egiziani erano convinti che l’anima umana era composta da nove principali parti:

il Ren, il Ba, il Ka, il Shuyet, il Jb, l’ Akh, il Sahu, il Khat e il Sechem.

(Nota) In alcune epoche, l’anima era ritenuta composta da cinque parti e in altre sette, ma, in genere, erano nove. Qui esaminiamo le NOVE parti.

Oltre ai componenti dell’anima umana, c’era il corpo umano chiamato “Ha-Haw”, che è stato interpretato come la somma delle parti corporee.

Jb (Il cuore) era una parte estremamente importante dell’anima egizia. Si credeva che si formasse da una goccia di sangue dal cuore della madre del bambino, presa dalla concezione. Nell’antica mitologia egiziana, il cuore era la chiave dell’aldilà.

Shuyet (l’Ombra) è sempre presente. Gli antichi egiziani credevano che l’ombra riassumesse ciò che una persona rappresenta.

Ren (il nome) era un’altra parte cruciale dell’anima. Gli egiziani credevano che la persona che riceveva il Ren dato alla loro nascita, avrebbero vissuti fino a quando questo nome fosse stato pronunciato.

(La personalità) Gli antichi egiziani credevano che Bà fosse tutto ciò che rende una persona unica.

Ka (La scintilla vitale) Secondo gli antichi egizi, il Ka era un concetto vitale nell’anima, in quanto distingue la differenza tra un vivente e una persona morta.

Khat (Il Corpo) il Khat è stato riferito dall’antico Egizio come corpo fisico che, quando defunto, si elevava tra l’anima e la propria vita terrena.

Akh (l’immortale sé) secondo gli antichi egiziani, l’Akh era il trasformato veicolo immortale che offriva un’unione magica del Ba e il Ka.

Sahu (il giudice) Il Sahu era l’aspetto dell’Akh che sarebbe venuto a una persona come un fantasma o addormentata nel sogno. Sahu era differenziato da tutti gli altri aspetti dell’anima una volta che la persona era “valutata” dal Dio Osiride e giudicata degna di esistenza eterna.

Sechem (Un altro aspetto di Akh) Sechem era un altro aspetto dell’Akh che gli permetteva la padronanza delle circostanze. È stata considerata l’energia vitale della persona che si manifesta come potere, avendo la capacità di controllare i propri risultati intorno a sé.

Inoltre, secondo gli antichi Egizi l’essere umano ha otto gradi di personalità:

Ren “, o il lui nome, essere in grado di mantenere l’attuale in base alla cura di una corretta imbalsamazione.

Sejem ” è l’energia, il potere, la luce del defunto.

Aj ” è l’unificazione di “Ka” e “Ba”, in vista di un ritorno all’esistenza.

Ba “, che rende un individuo di essere ciò che è; si applica anche alle cose inanimate. È il concetto più vicino all’Occidente occidentale.

Ka “, la forza vitale. Sostenuto dalle offerte di alimenti per i defunti.

Sheut o Shuyet ” è l’ombra della persona, rappresentata da una figura umana completamente nera.

Seju ” significa i resti fisici della persona.

Jat ” è la parte carnale della persona.

a cura di Hackthematrix

tratto da Ancient-Coode

L’articolo Queste sono le nove parti dell’anima umana secondo l’Antico Egitto sembra essere il primo su Hack The Matrix.

FONTE: Queste sono le nove parti dell’anima umana secondo l’Antico Egitto